lunedì 17 gennaio 2011

Cosciotto di tacchinella farcita al profumo di arancia

cosciotto di tacchinella

Ho scritto qualche post fa' di Cristiano... ho fatto cenno alla sua azienda...ebbene....
oggi vorrei parlavene in maniera più approfondita....chissà...potrebbe essere interessante per alcuni di voi....
La Tervi si occupa di forniture nel settore dell'alimentazione, quali: ristorazione, gelateria e pasticceria.
Fornendo dalla semplice minuteria, come spatole e spatoline di ogni foggia e dimensione, a macchinari di tutti i tipi fino all'arredamento....
Per noi appassionati entrare lì, è sentirsi un po' come Alice nel paese delle meraviglie....ma non per tutti è possibile, dal momento che Tervi si trova solo a Roma, per l'esattezza in zona San Giovanni in via della Ferratella in Laterano 1 ed è per questo che vi invito a visitare il sito perchè loro, fanno spedizioni in tutta Italia ;))

Tutto questo per dirvi che la mia nuovissima pentola Le Creuset l'ho acquistata proprio da lui il giorno della vigilia di Natale e nel mio caso altro che spedizioni.....una sorta di staffetta tra Cristiano, sua moglie e me per fare in modo che io avessi il mio nuovo gioiellino sotto l'albero, ma vi è rimasto ben poco.....

Subito all'opera per realizzare la favolosa ricetta di Cristina Lunardini....

cosciotto di tacchinella

Ingredienti per sei persone:

1 coscia di tacchinella disossata di media grandezza
1 cipolla bianca
1 arancia e succo di un'altra arancia
1 rametto di timo e rosmarino
3 chiodi di garofano (io non li ho messi)
1/2 bicchiere di vino bianco
1 noce di burro
brodo vegetale
olio extravergine
sale e pepe

Per il ripieno:
150 gr. polpa di maiale tritata
100 gr. mortadella tritata
100 gr. salsiccia
20 gr. pangrattato
1 uovo
1 cucchiaio di parmigiano
5-6 prugne secche snocciolate
2 pizzichi di timo tritato
la scorza grattugiata di un'arancia
latte
sale e pepe

cosciotto di tacchinella

Dopo aver lavato ed asciugato il cosciotto, appiattirlo un po' se necessario con il batticarne, salare, pepare e preparare il ripieno:
far rosolare in padella la salsiccia spellata, tagliare le prugne a cubetti.
Tostare il pangrattato con poco latte per ottenere una panatura morbida e mescolarlo al resto degli ingredienti, salsiccia e prugne comprese. Aggiustare di sale.
Farcire il cosciotto e chiudere bene, cucire l'aperture con filo da cucina, se necessario.
Spennellare con olio e e mettere nella pentola scoperta, in forno preriscaldato a 220° per circa 20 minuti.
Trasferire la pentola sul gas e unirvi la cipolla affettata sottilmente e l'arancia anch'essa a fettine, il rosmarino, il timo, e irrorare con il succo della seconda arancia, riscaldato insieme al vino. Quando sarà evaporato, coprire la pentola e rimettere in forno a 180° per circa un'ora.
Dopo circa 20 minuti, aggiungere il sale ed irrorare con il brodo vegetale caldo. Terminata la cottura, avvolgere la carne per 30 minuti nella carta alluminio. Frullare il fondo di cottura e far ridurre se necessario....servire con l'arrosto tagliato a fette.
Stampa il post

19 commenti:

  1. Buonissimo!!!io adoro cucinare la carne con l'arancio!
    Ho aperto un nuovo contest sul moi blog sulle torte di compleanno!Vieni a vedere se ti interessa!
    http://plvheart-funinthekitchen.blogspot.com/2010/12/contest-per-il-mio-primo-blog.html

    RispondiElimina
  2. Conosco benissimo Tervi, e' una delle mie tappe preferite durante i soggiorni romani :-)

    E favoloso il tuo cosciotto!

    RispondiElimina
  3. Mmmmhhhh buonissimo !
    Le pentole Lecroiset le ho prese in mano più di una volta ma sono così pesanti che ogni volta mi hanno fatto rimandare l'acquisto.
    Ho un paio di amiche che le hanno e me ne parlano sempre bene.
    Per ora la tua ricetta potrò prepararla in modo tradizionale con le solite pentole.
    Mandi

    RispondiElimina
  4. Ciao, ma con questa pentola si sfornano delle delize! Già di per se la tacchinella così farcita ed aromatizzata ci paice molto, ma la particolare cottura della pentola deve rendere il tutto ancora più corposo e di gusto!
    complimenti per l'acquisto!
    baci baci

    RispondiElimina
  5. Chissà se imparerò mai a cuocere la carne come si deve. Intanto mi salvo la ricetta poi mi toccherò fare prove su prove su prove su prove...Da mangiare con gli occhi, immagino il sapore!
    Buona giornata
    Sonia

    RispondiElimina
  6. una vera e gustosa ricetta...e bella la tua nuova pentola...vado a dare un occhiata chissà che trovi qualcosa che mi piace...sono una fanatica di pentole cocci e quant altro anche se non ho più posto dove metterli ma mi piace averli...corro subito....
    un abbracvcio antonella da lia

    RispondiElimina
  7. ma possibile che non le avessi viste quando ci siamo state insieme??? inizio a fare musina per regalarmene una, magari per Pasqua!
    così potrò fare il cosciotto tale e quale!

    RispondiElimina
  8. Buonissimo!
    quest secondo è troppo invitante, e tu sei stata bravissima ^_^
    più lo guardo e più mi intriga *_*

    RispondiElimina
  9. ciao Antonella! questa è una ricetta davvero prelibata, presentata in modo impeccabile...ora corro subito a vedere il sito che hai consigliato così magari la prox a Roma ci vado....visto che soggiorno proprio da quelle parti!!

    RispondiElimina
  10. ciao, passavo per invitarti a un gioco di scambio ricett! ti va di partecipare? ti aspetto qui

    http://zasusa.blogspot.com/2010/12/gioco-forum.html

    a presto

    RispondiElimina
  11. gnammy gnammy questo cosciotto!!
    e rimango in attesa di sapere se ho capito bene su FB...!!!!!!!!!! :) :) :)
    baciooooone!

    RispondiElimina
  12. Buonissima la tacchinella, l'ho cucinata l'altra sera in porchetta però, ottima la tua ricetta, ciao.

    RispondiElimina
  13. Ciao, sono Martina e vorrei invitarti, se ti fa piacere, a partecipare ad una bella raccolta di menù tradizionali italiani che il sito Giallo Zafferano ha organizzato in occasione dei 150 anni della nostra madre patria.
    Trovi il regolamento qui:
    http://forum.giallozafferano.it/buon-compleanno-signora-italia/
    Naturalmente se pensi di avere già postato sul tuo blog delle ricette che ritieni adatte alla raccolta, puoi tranquillamente partecipare con queste.
    Se vuoi chiarimenti, scrivimi pure a martina.spinaci@giallozafferano.it sarò lietissima di consigliarti o guidarti passo, passo.
    Un caro saluto
    Martina

    RispondiElimina
  14. Grazie di cuore a tutti!!! Cinzia, non le abbiamo viste perchè ancora non c'erano...mi sembra siano arrivate a settembre, cmq se non sono sul sito, scrivete a Cristiano ;)
    Scusate se sono stata un po' assente dal blog, ma ho avuto delle notizie strabilianti!!! Si Ale...hai capito bene su fb....presto ne parlerò anche qui ;)

    RispondiElimina
  15. Meravigliose le casseruole Le Creuset!!!
    Sono un miglio avanti alle altre. Bisogna provarle per rendersene conto, ma è un investimento davvero valido e che ripaga nel tempo. Nel nostro post sul Brasato al Vino Rosso Aromatico (slurp!) si vede la sorellina bianca, è davvero bella!
    Questa ricetta è un'ottima idea per il prossimo utilizzo! Grazie!!!
    Linda (di I Sapori di Romagna)

    RispondiElimina
  16. Grazie! Mamma mia...è fantastico quel brasato ;-9

    RispondiElimina
  17. Ciao Antonella , questo cosciotto è fantastico e della tua nuova pentola che dire ME RA VI GLIO SA io ne ho due in ghisa ma non sono smaltate come si cucina in quelle smaltate ? sono migliori che tu sappia ? fammi sapere.In quel negozio fanno vendita diretta sai l'orario sei sempre strepitosa era da tempo che non mi collegavo ad internet quindi anche se in ritardo ti faccio tantissimi auguri di buon anno un grandissimo bacio Giusy

    RispondiElimina
  18. Ciao Giusy! Io mi sono trovata benissimo con questa, sinceramente non ne ho mai avute altre in ghisa, se non la classica bistecchiera e non saprei dirti....cmq se vuoi provare, da Cristiano vendono anche al pubblico e sono aperti dalle 8.30 alle 13 e daqlle 15 fino alle 18.30, escluso il sabato ;)
    Grazie di cuore, contraccambio con tanto affetto!

    RispondiElimina