lunedì 18 febbraio 2019

Purè di fave



Da circa quattro anni, la nostra meta per le vacanze estive è diventata la Puglia!
Amiamo tutto di questa meravigliosa terra, il clima, il mare, i paesaggi meravigliosi, i prodotti tipici, le persone e la loro cucina.....infatti torniamo a casa sempre con qualche kg in più... un po' perchè lì, riusciamo veramente a rilassarci e rigenerarci e un po' perchè a tavola ci abbandoniamo senza remore.
Uno dei piatti cult di questa regione è proprio il purè di fave con la cicoria, anzi, come lo pronunciano loro: "fav e cicoria" con la "O" molto stretta!
La ricetta me l'ha donata un grande chef....colui che si prende cura della cucina del villaggio "Pietrablu Resort & spa" il nostro preferito ;)


 Ingredienti:
300 gr. fave secche bianche decorticate
 (a Roma è un po' difficile trovarle, ma fortunatamente il conad ha quelle di Colfiorito)
2 patate medie
1 piccola cipolla
1 foglia di alloro
olio extravergine
sale

Procedimento:
Disporre le fave sciacquate, in una pentola non molto larga. unire la foglia di alloro e la cipolla a fette.
Ricoprire il tutto con le patate tagliate a fette.
Aggiungere acqua fredda, 2 dita al di sopra delle patate.
Far cuocere a fuoo lento per 30/40 minuti, aggiungendo poca acqua calda se necessario.
La favetta è cotta quando, girandola, si frantuma.
Dovrà risultare abbastanza asciutta, altrimenti eliminare l'acqua in eccesso.
Aggiungere il sale e l'olio extra e frullare accuratamente con il minipimer.
Pulire le cicorie, possibilmente solo a foglia, bollirle in acqua bollente salata e scolarle prima che ingialliscano. Se preferite, spadellarle con olio e aglio.
Impiattare



Stampa il post

lunedì 11 febbraio 2019

Biscotti di frolla


Quest'anno, durante le feste natalizie, precisamente in data 27 dicembre, vista la notevole affluenza dei giorni precedenti, ho tenuto chiuso il salone per ricaricare un po' le batterie, mie e dei miei preziosi collaboratori e così, ho potuto organizzare in casa, una cooking session per bambine...
dieci bambine, compagne di danza di Gioia, a pasticciare creando biscottini nella piena atmosfera natalizia....che dire....le loro manine, paffute e curiose, sono state per me un bellissimo regalo di Natale e vedere i loro sorrisi felici, ha riscattato alcune mancanze della mia infanzia....non è mai troppo tardi per riappropriarsi di attimi di gioia!
La bravissima Chiara, maestra pasticciera, ci ha regalato due ricette strepitose, le frolle si mantengono freschissime e friabilissime per più giorni, se conservate in scatole di latta.
Vi racconto della prima....


Ingredienti:

500 gr. farina 00
250 gr. zucchero a velo
2 uova medie
250 gr. burro
1 limone (oppure estratto di vaniglia)

Procedimento:
Impastare il burro con lo zucchero a velo, fino a farli amalgamare bene, aggiungere le uova fino a farle inglobare perfettamente, infine aggiungere la farina e la buccia di limone grattugiata o se si preferisce, un cucchiaino di estratto di vaniglia.
Formare un panetto e avvolgerlo in pellicola per farlo riposare in frigorifero per almeno mezz'ora.
Se si possiede la planetaria, agire con la foglia, a vel 1, aumentando quando si inserisce la farina.
Stendere l'impasto ottenuto con un matterello e ritagliare a piacere con le formine tagliabiscotti




Stampa il post

lunedì 4 febbraio 2019

Spaghetti in rosa con barbabietole e gorgonzola



Pink mania......è già da qualche anno che imperversa...
il rosa si è insinuato in maniera prepotente nella moda, quindi, abiti, arredamento, macchine, capelli....si proprio così, anche nei capelli!
Nel mio salone per esempio, spesso, le clienti chiedono di avere capelli rosa e per quanto, pensarci qualche anno fa poteva essere assurdo, è un colore che invece dona a tutte le età, basta scegliere la sfumatura adatta, il taglio giusto e sia in total o con qualche ciocca, questo colore dona un'allure veramente sofisticata....io stessa l'ho avuto per un po' ed ora, dopo circa sei mesi che l'ho tolto, ne sento la nostalgia.
Stavolta però, sperimentando....il rosa l'ho portato sulla tavola ed anche se all'approccio eravamo tutti molto restii, alla fine ci siamo leccati i baffi!

p.s. fotografare questo colore è sempre molto complicato,infatti, se non hai la luce giusta, il viraggio al rosso o l'effetto sbiadito ti rovinano tutto il lavoro fatto, questo per dire che dal vivo, gli spaghetti sono molto più chic ;)



Ingredienti
400 gr. spaghetti alla chitarra
1 rapa rossa precotta
180 gr. gorgonzola dolce
50 gr. parmigiano
100 ml di latte
50 gr. burro
olio extra vergine
sale

Procedimento:
Tagliare la rapa rossa e ridurla in purea con il minipimer.
Scaldare in una larga padella, l'olio con il burro, unire la purea e il gorgonzola a pezzetti, aggiungere il latte e ridurre tutto ad una crema.
Cuocere la pasta e scolarla 2 minuti prima della fine della cottura conservando l'acqua stessa.
Trasferire gli spaghetti nella padella e terminare la cottura rimestandola nella crema, unire acqua di cottura della pasta se necessario e spolverare con parmigiano mantecando ben bene.
 
Stampa il post

mercoledì 30 gennaio 2019

Finocchi al forno




Ho finalmente finito di sistemare l'indice del blog!
Dopo anni di assenza, evidentemente blogger deve aver fatto qualche aggiornamento, impedendo così, di inserire nuove ricette alla lista precedente....e così...l'elenco di link che a me pareva fighissimo era diventato obsoleto e cercare un vecchio post diventava un'impresa....ora, spero sia tutto facilmente raggiungibile, anche perchè, Manuele, mio figlio maggiore, si è da poco trasferito nella sua nuova casa a convivere con la fidanzata....e chissà che.... non abbiano bisogno di consultare qualche ricetta?

A proposito, in questi giorni post feste natalizie chi di voi non ha fatto almeno una settimana di detox?
Non è difficile depurarsi senza rinunciare al gusto, bastano un po' di astuzia e fantasia e il triste finocchio assume un aspetto e un sapore davvero delizioso...


Ingredienti:

3 finocchi
olio extra vergine
 sale 
 pepe 

Procedimento:
Lavare e tagliare a fettine i finocchi, adagiarli in una teglia da forno e condire con olio, sale e pepe.
Cuocere a 200°, modalità ventilato, per circa 30/40 minuti, avendo cura di rimescolare ogni tanto per cuocere in maniera uniforme.




Stampa il post

HOBBYES

Stampa il post

LIBRI


Stampa il post

A TAVOLA



Stampa il post

TRUCCHI IN CUCINA


Stampa il post

CONSERVE


Stampa il post

LIQUORI E COCKTAIL

Stampa il post

TORTE


Stampa il post

DOLCI



Stampa il post

CREME


Stampa il post

PREPARAZIONI BASE

Stampa il post

PANE


Stampa il post

giovedì 24 gennaio 2019

PIZZE, FOCACCE E RUSTICI



Stampa il post

CONTORNI

Stampa il post

SECONDI VARI


Stampa il post

sabato 19 gennaio 2019

ZUPPE E MINESTRE

Stampa il post

PRIMI PIATTI DI PESCE

Stampa il post

PRIMI PIATTI

Stampa il post

SUGHI E CONDIMENTI

Stampa il post

venerdì 18 gennaio 2019

PIATTI UNICI


Stampa il post

BISCOTTI

                                             

Stampa il post

ANTIPASTI

Brutti ma buoni (versione salata)
Cannoncini indivia crudo e grana
Centrotavola ghirlanda di pane e salumi
Cestini di pane ripieni al gorgonzola
Cocktail di gamberetti
Cracker con pasta madre
Crema bigusto al pomodoro e ricotta
Crescentine al gorgonzola
Crocchette di patate
Croissant con verdurine
Crostini di polenta
Crumble di zucca e cavolo nero con castagne
Crumble di salmone e zucchine
Finocchi fritti
Flan al finocchio
Flan di carote e spinaci con salsa al gorgonzola
Gnocco fritto
Grissini al sesamo e fior di sale
Hummus di ceci
Insalata (russa) Olivier
La panzanella toscana......nelle uova!
Mousse al salmone
Panini al prezzemolo con insalatina di calamari
Patè di melanzane al profumo di menta e coriandolo
Patè al prosciutto cotto e würstel
Patè di olive verdi alle mandorle
Patè di pomodori secchi
Piccoli cestini di frico con melagrana,avocado e pollo
Pizzette delle sorelle Simili
Quiche con mozzarella e alici
Snack veloci di pasta sfoglia
Spiedini di pollo
Spiraline di sfoglia con prosciutto cotto, edamer e rosmarino
Streghe
Supplì al telefono
Uova sode ripiene di peperoni e olive
Uova sode ripiene di tonno




Stampa il post

lunedì 14 gennaio 2019

Biscotti della nonna


I biscotti da inzuppo....
fanno parte di quei sapori presenti nella memoria di tutti, soprattutto nel centro/sud...
sono i biscotti che facevano le nostre nonne, quelli leggeri, fatti con l'olio extravergine, poco zucchero e quindi indicati anche per una sana colazione in regime alimentare controllato.




Ingredienti:
500 gr, farina 00
180 gr. zucchero 
80 ml olio extravergine
60 ml latte
2 uova
1 bustina di lievito per dolci
5 gr. essenza di vaniglia 
a piacere ulteriore zucchero per guarnire prima di infornare

Procedimento:

Mettere nella planetaria,  farina, zucchero e lievito vel 1. Inserire poi tutti i liquidi che avremo amalgamato in un bicchiere capiente, aumentare la vel a 2 finchè l'impasto verrà totalmente agganciato dalla foglia e finire brevemente a mano.
Dividere l'impasto e fare dei piccoli cilindri o a piacere dei torcetti.
Infornare su più ripiani a 180° per 15/20 min.


Stampa il post

domenica 13 gennaio 2019

Involtini al lardo di colonnata




Avevo comprato il lardo di colonnata per "bardare" il mio bel carrè di maiale....ma nel momento in cui stavo preparandolo, la piacevole scoperta di trovarlo già bello che impacchettato dal mio amico Vincenzo (il nostro macellaio di fiducia...sempre lui) per cui, complice una seconda serata mangereccia, dopo due giorni, l'ho utilizzato così...


Ingredienti:

10 fettine di vitello tagliate sottili
10 fette di lardo di colonnata
800 gr di funghi coltivati
200 gr, speck
200 gr, scamorza affumicata
1 spicchio aglio
3 foglie di salvia
prezzemolo
olio extravergine, sale e pepe

Procedimento:
Mondare i funghi e tagliarli, far imbiondire lo spicchio intero di aglio nell'olio, unire i funghi e il prezzemolo e trifolare per circa 15 minuti , a fine cottura salare e pepare q.b.

Distendere le fette di carne e batterle con il batticarne se necessario, adagiare su ciscuna un po' di funghi, cubetti di scamorza e mezza fetta di speck, avvolgere le fettine in modo da ottenere degli involtini, arrotolare su ognuno di essi le fette di lardo e chiudete con degli stuzzicadenti oppure dello spago da cucina.

In una larga padella, scaldare l'olio insieme alla salvia e far rosolare gli involtini su tutti i lati, rigirandoli.
Abbassare la fiamma, chiudere con coperchio e cuocere per 8 minuti circa.

Servire con i funghi rimasti.


Stampa il post

Carrè di maiale con le mele





Si sa....il periodo invernale e ancor di più, quello delle feste natalizie, è la cornice ideale per preparare e gustare i grandi arrosti....
quindi, tacchinelle ripiene, faraone farcite, carrè di agnello, arista in agrodolce, coscio di maialino, coscio di tacchino, cotechino in crosta e chi più ne ha, più ne metta!
Quest'anno, nei recenti giorni di festa, ho prepararato anche questo meraviglioso carrè....




Ingredienti:

2 kg di arista di maiale 
8 mele annurca
100 ml sciroppo d'acero
120 gr. di lardo o pancetta dolce tesa
1 rametto di rosmarino
1 bicchiere vino bianco
1 scalogno
sale, pepe, olio extravergine

Procedimento:

Spennellare con lo sciroppo d'acero tutto il pezzo di carne con molta cura, avvolgerlo con le fette di lardo e legarlo con spago da cucina, coprire gli ossi con la carta alluminio e adagiare in teglia.
Salare e pepare quanto basta, aggiungere lo scalogno a pezzetti e un giro d'olio.
Infornare nel forno preriscaldato a 200° per 15 minuti, abbassare a 180° e bagnare con il vino.
Cuocere per circa 60 minuti aggiungendo verso metà cottura, le mele tagliate in quarti e il rosmarino.
Mentre l'arrosto riposa fuori dal forno coperto con stagnola, togliere buccia e torsolo alle mele e frullarle con il fondo di cottura e regolare di sale e pepe.
Servire la salsa di mele con l'arrosto tagliato a fette.







Stampa il post

mercoledì 9 gennaio 2019

Centrotavola ghirlanda di pane e salumi



Avete mai pensato a realizzare un centrotavola, utilizzando qualcosa di commestibile?
Io, in realta, ci ho pensato tante volte ma, mai mi era venuto così carino!
L'idea, presa da una trasmissione sul canale del "gambero rosso", è quella di servirci l'antipasto....e così, in occasione di una delle cene natalizie, il buon "pane senza impasto" è diventato una ghirlanda....anzi...due!



Ingredienti

salumi a piacere
olive
rosmarino
mozzarelline


Preparare il pane senza impasto e cuocerlo in uno stampo a ciambella per dolci .
Sfornarlo, aspettare che si raffreddi e tagliarlo a metà ottenendo così due dischi,
tagliare in tanti spicchi regolari e ricostruire la ciambella, dopo averla deposta su un piatto, decorare a piacere



Stampa il post